Marketing legale, dal Coa di Milano un percorso comune per modificare il codice deontologico

Aprire un tavolo di lavoro con l’editoria che si rivolge al mondo legale per trovare una posizione comune sulle possibilità di marketing degli avvocati e proporre modifiche al codice deontologico forense.

È questa, secondo quanto risulta a Le Fonti Legal, la posizione dell’Ordine degli avvocati di Milano, guidato da Vinicio Nardo, in merito alla lettera inviata dal Consiglio distrettuale di disciplina della Corte d’appello di Milano agli avvocati iscritti al Coa meneghino.

Nessuna battaglia ideologica contro l’utilizzo dei social da parte dei professionisti, quindi, ma da parte dell’Ordine emergerebbe la volontà di aggiornare le regole attraverso un percorso comune, senza penalizzare gli avvocati che promuovono la propria immagine attraverso LinkedIn, stante l’insindacabile obbligo di riservatezza professionale in mancanza del consenso del cliente. È evidente che eventuali modifiche al codice deontologico forense devono essere portate avanti dal Consiglio nazionale forense. Un percorso quindi tutt’altro che immediato.

Leggi anche...
Le Fonti – TOP 50
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Le Fonti TOP 50 2023-2024
Speciale Decreto whistleblowing
Approfondimento – Diritto Penale Tributario
Le Fonti Legal – Luglio-Settembre 2023
I più recenti
Mancata traduzione dell’ordinanza di custodia cautelare personale, depositata la sentenza
Suicidi in carcere, gli ultimi dati sono preoccupanti
Giorgio Armani Operations in Amministrazione giudiziaria: inchiesta per caporalato
I Le Fonti Awards del 7 marzo celebrano le eccellenze

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito penale.